Pensieri della Vita e pace

13 Jul

CHINUA ACHEBE, Nigerian writer, professor at Brown

Seguite quello che vi afferra da dentro e che vi viene meglio, qualunque cosa sia. Nessunopuò insegnarti chi sei e di che cosa hai bisogno.

NICK NOLTE, actor

Stringi stringi, salta fuori che l’autentico miracolo della vita è la vita stessa. Abbiamo la technologia, la capacità di costruire macchine e strade, ma non abbiamo gli strumenti per capire cosa c’è dentro un essere umano. Certo, esistone le religioni: ma sono così imbevute di traditizione da avere trasferito tutto all’esterno, in rituali e ceremonie. E’ vero, l’Oriente si preoccupa di scoprire ci sei dentro, dal punto di vista spirituale. Ma la parola “spirituale” non si dovrebbe nemmeno usare. Il punto è scoprire chi sei davvero. Accettarlo. E accorgersi che il paradiso è qui e ora. Se metti in conto questo, poi arriva anche la pace.
Ma la pace è un lavoro privato e non un negoziato, dove alle fine c’è sempre qualcuno che ci perde. La pace è qualcosa che trovi per te, punto. Guardarsi dentro, ascoltarsi, essere consapevoli. E’ anche frustante, perchè tu sei l’osservatore e insieme l’osservato. E non resta che venire a patti con questo. Ecco che cosè la coscienza: arrendersi e accettarsi. Magari fallirai in modo orrendo, ma abbracciare l’incertezza è un processo creativo che dà l’energia per andare avanti. E anche l’unico modo per veder e sentire gli altri. E provare compassione.

NELSON MANDELA

Una buona testa e un cuore buono sono sempre una combinazione formidabile. Sono poche le disgrazie di qeusto  mondo che non puoi trasformare in un trionfo personale. Se hai una volontà di ferro e la capacità  necessria. Ciò che distingue una persona da un’altra non è quello che le è stato dato ma cosa ne fa. E la più grande arma di sviluppo che oguno possiede è la pace.

FRANK GEHRY, architect from Toronto

E’ importante capire l’impressione che si fa agli altri: dopodischè si possono presentare le proprie idee, e aprire i giochi in grande stile. E cose stanno così: se sei sciocco la gente lo sa, ma se non sai che lo sa, perdi inuitmente il tuo tempo. Sintonizzarsi, essere ricettivi è basilare. Gli studenti di architttura dovrebbero preoccuparsi di questo, e poi di essere se stessi sennza sentirsi gravati dal passato. Lo dico ache agli artisti: “La vostra opera migliore è l’espressione di voi stessi”.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: